Archivi tag: Gnocchi

GNOCCHI DI ZUCCA DI NONNA FRANCA

Ingredienti per 4 persone:

  • 450 gr di polpa di zucca

  • 150 gr di farina

  • 1 uovo intero

  • 50 gr di gorgonzola

  • Sale, pepe e noce moscata q.b.
  • Burro, salvia e ricotta affumicata q.b.

  • Rosmarino come decorazione

Procedimento:

  • Tagliare la zucca a metà, privarla dei semi e togliere la buccia
  • Lessare a vapore o al forno la zucca tagliata a pezzi

  • Una volta lessati lasciarli raffreddare, in questo modo si potranno lavorare più facilmente, altrimenti il composto non si assembla (alto contenuto d’acqua)

  • Ponete il tutto in un recipiente e schiacciate con una forchetta rendendo il composto omogeneo, aggiunere farina gradualmente e poi l’uovo mischiando con la forchetta
  • continuare ad aggiungere farina q.b. fino ad ottenere un composto abbastanza denso ma non duro, aggiustare di sale, pepe e noce moscata a piacere e amalgamare il tutto

Di seguito riportato il link della procedura:

https://youtu.be/e8rQ3C3aKz8

  • Dopo aver portato l’acqua salata ad ebollizione con un cucchiaio da minestra raccogliete il composto e immergetelo nell’acqua

Di seguito riportato il link della procedura:

https://youtu.be/K89GJa5TX5g

  • Quando saranno cotti, gli gnocchi saliranno in superficie, non resta che raccoglierli con una schiumarola e porli nei piatti. Conditeli con burro fuso e salvia e cospargeteli di ricotta affumicata.

Buon appetito!

La ricetta è stata realizzata in collaborazione con l’Azienda agricola Pelàs nasce nel 2016 dopo una decennale collaborazione con: Università di Udine, Pro Loco Pro Venzone ed Ente Parco Prealpi Giulie, con i quali ha sviluppato il progetto
“Una zucca per Venzone”. Unica azienda di zona a proseguire il progetto, si ispira ai concetti di agricoltura naturale e sostenibile.
Il terreno di 600 metri quadri è destinato alla coltivazione di frutta e ortaggi. Collabora con svariate attività commerciali, gruppi d’acquisto (GAS) e privati della zona, perseguendo l’idea di km “0” e fornendo ortaggi e frutta di stagione.
La ricetta è stata dedicata alla nonna Franca che quotidianamente li preparava a casa.

La zucca di Venzone si chiama Tetsukabuto…e’ stata scelta come la zucca migliore da introdurre nel territorio Venzone in quanto resistente ad un clima ostile.  La specie è caratterizzata da una forma tondeggiante e irregolare, di colore verde e con una piccola macchiolina arancione. Raggiunge un peso medio di 2,5 kg di cui il 90% è composto da una polpa color arancio vivo che rimane tale durante tutti i processi di lavorazione e trasformazione. La limitata presenza d’acqua al suo interno la rende adatta all’uso alimentare e alla sua conservazione. Ha un caratteristico retrogusto di noce che dona ai piatti un tratto decisamente unico e ricercato.

“In Comune di Venzone si tiene annualmente la Festa della Zucca” che richiama migliaia di visitatori.

Durante la manifestazione questo variopinto ortaggio domina la scena e viene ampiamente utilizzato nei piatti serviti da ristoranti e bancarelle.

Bassa però è la produzione locale e solo negli ultimi anni, grazie ad uno specifico progetto denominato “Una Zucca per Venzone”, si è registrata una ripresa della coltivazione in loco.

L’iniziativa ha permesso di identificare la varietà di zucca più adatta alle condizioni pedologiche e climatiche della zona. Ora questa viene venduta in occasione della Festa sia fresca sia trasformata, in gustose marmellate, intense mostarde e golosi dolci. ”

Tratto dal sito web www.parcoprealpigiulie.it

GNOCCHI AL BUON ENRICO

Ingredienti per 2 persone:

  • Spinacio Buon Enrico q.b

  • 1 uovo
  • 1/2 ricotta

  • farina q.b
  • sale q.b
  • burro
  • ricotta affumicata

Procedimento:

  • prendere una bella manciata di spinacio Buon Enrico e sbollentarlo in acqua salata in una pentola per qualche minuto

  • tagliare mezza ricotta e schiacciarla in un contenitore
  • aggiungere poi l’uovo e un po’ di farina

  • su un tagliere tritare grossolanamente il Buon Enrico

  • unirlo al composto preparato precedentemente e salare leggermente

  • mescolare il tutto con un mestolo in legno
  • aggiungere ancora farina q.b continuando a mescolare fino a quando il composto risulta pastoso, nè troppo mollo nè troppo duro

  • con l’aiuto di un cucchiaio prenderne un po’ per volta formando degli gnocchi; cuocerli in acqua salata

Di seguito riportato il link della procedura:

       https://youtu.be/jUpiZKv6fDg

  • nel frattempo, in un pentolino, mettere a rosolare un po’ di burro

  • dopo 2-3 minuti, appena gli gnocchi salgono a galla, scolarli con l’aiuto di uno scolino

  • impiattare, aggiungere sopra un po’ di burro fuso e una spolverata di ricotta affumicata grattuggiata di malga

Buon appetito!

La ricetta è stata realizzata presso Malga Coot a Resia, ai piedi del Monte Canin

 

GNOCCHI A TRIANGOLO CON IL MIELE

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 g di impasto per gnocchi
  • 2 rametti di menta tritati finemente
  • 180 g di noci schiacciate
  • 2 cucchiai di miele
  • sale q.b
  • 80 g di burro

Procedimento:

  • stendere la pasta a 2-3 mm
  • mescolare bene le noci con la menta e il miele
  • tagliare nella pasta dei quadretti di 10X10 cm
  • mettere al centro dei quadretti un po’ di ripieno e piegare a piramide
  • fare una leggera pressione con le dita intorno al triangolo
  • cuocere gli gnocchi in acqua salata finchè arrivano a galla
  • scolare in una grande scodella con l’aiuto di un colino forato
  • soffriggere il burro
  • ritirarlo dal fuoco quando prende un bel colore nocciola e versarlo sugli gnocchi

Buon appetito!

Tratto dal libro “Resia: a tavola nella Valle dei fiori” di V. Leskovic e D. Del Medico

GNOCCHI A TRICORNO CON LE MELE

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 g di impasto per gnocchi
  • 100 g di noci
  • 2 rametti di menta
  • 50 g di semi di zucca
  • 100 g di mele
  • 100 g di burro
  • 80 g di ricotta affumicata e grattugiata
  • sale q.b

Procedimento:

  • schiacciare le noci e i semi di zucca assieme alla menta
  • grattugiare le mele, amalgamare il tutto
  • stendere la pasta degli gnocchi e tagliarla a quadretti
  • mettere in mezzo un po’ del ripieno
  • piegare da angolo ad angolo in modo da formare una piccola piramide
  • fare una leggera pressione con le dita sui bordi
  • portare ad ebollizione 3 lt di acqua salata
  • aggiungere gli gnocchi e cuocere per 5 minuti
  • scolare con un colino forato in una terina
  • soffriggere il burro, quando prende un bel colore nocciola versarlo sugli gnocchi
  • cospargere con la ricotta affumicata e servire

Buon appetito!

Tratto dal libro “Resia: a tavola nella Valle dei fiori” di V. Leskovic e D. Del Medico

GNOCCHI

Ingredienti:

  • 1kg di patate
  • 300 g di farina bianca
  • 1 uovo
  • 90 g di burro
  • sale speziato q.b
  • noce moscata q.b
  • cannella q.b.
  • 120 g di ricotta affumicata gratuggiata
  • 4 foglie di salvia a piacere
  • 3lt di acqua
  • sale q.b

Procedimento:

  • cuocere le patate intere per 35 minuti
  • scolare, pelare e schiacciare le patate in una ciotola con l’aiuto di una forchetta o di uno schiacciapatate

  • aggiungere la farina, l’uovo, sale speziato q.b, noce moscata q.b e cannella q.b

  • fare un impasto omogeneo: con una mano tenere la ciotola e con l’altra impastare con movimenti circolari

  • lasciare riposare la pasta, nel frattempo portare ad ebollizione 3 lt di acqua salata
  • aiutandosi con un coltello tagliare delle “fettine” dall’impasto e con le mani assottigliare la pasta formando un “vermicello” lungo e abbastanza sottile

  • tagliare con un coltello dei gnocchetti di medie dimensioni, passarli nella farina

  • usare questo procedimento anche per il resto dell’impasto;
  • versare gli gnocchi nell’acqua

  • cuocere per 2-3 minuti, quando vengono a galla aspettare finchè l’acqua bolle bene attorno ad essi, nel frattempo mettere e soffriggere il burro

  • scolare gli gnocchi con un mestolo forato in una grande padella
  • a piacere aggiungere la salvia al burro una volta ben rosolato
  • versare sopra gli gnocchi e cospargere di ricotta affumicata.

Buon appetito!

Tratto dal libro “Resia: a tavola nella Valle dei fiori” di V. Leskovic e D. Del Medico

La ricetta è stata realizzata presso il “Museo della gente della Val Resia” a Stolvizza di Resia