Archivi tag: Ecomuseo Val Resia

IL FORMAGGIO E I SUOI ABBINAMENTI…

Il formaggio e i suoi abbinamenti… dimostrazione e degustazione

Domenica 11 settembre 2016Il formaggio e i suoi abbinamenti

Il Comune e l’Ecomuseo Val Resia organizzano, per la giornata di domenica 11 settembre 2016 alle ore 17.00, presso il Museo della Latteria Turnaria di San Giorgio di Resia, una dimostrazione e degustazione di vari tipi di formaggi e di come possono essere abbinati per ottenere piatti dal gusto molto particolare, condotta da Anna Di Lenardo.

La partecipazione è libera.

Necessaria la prenotazione ai seguenti recapiti:

Virna     346 7596279

Miriam 333 5301435

MOSTRA FOTOGRAFICA “TERREMOTO IN VAL RESIA”

MOSTRA FOTOGRAFICA “TERREMOTO IN VAL RESIA”

mostra terremoto in val resia - Parco

Martedì 23 agosto presso il Centro visite del Parco naturale delle Prealpi Giulie di Prato di Resia alle ore 17.00 sarà inaugurata la mostra fotografica “Terremoto in Val Resia”, realizzata dall’Ecomuseo Val Resia.

L’esposizione, promossa dal Comune di Resia e dall’Ecomuseo Val Resia e realizzata nell’ambito delle celebrazioni per il 40° anniversario dei sismi che hanno colpito il Friuli, riporta immagini fotografiche relative alle frazioni di Oseacco, Prato, Gniva e San Giorgio.

In particolare vengono proposte le immagini del dramma nella frazione di Oseacco, che è stata la più colpita, con solo 14 case rimaste sulle originarie 278.

Le immagini sono, in parte, quelle fornite dalla popolazione resiana che ha voluto condividere e testimoniare la propria esperienza personale e familiare attraverso le foto scattate immediatamente dopo il terremoto e, in parte, quelle realizzate dal personale della Regione Friuli Venezia Giulia e donate al Comune di Resia.

L’esposizione si compone di complessivi 66 scatti montati su 28 pannelli.

Sei di questi riportano i dati salienti di questa tragedia: riferimenti generali al terremoto (date, intensità, epicentro), vittime, danni sul territorio, con riferimento al patrimonio architettonico della Val Resia, primi interventi di ricostruzione provvisoria, dati riferiti agli sfollati ed, infine, un accenno di speranza con un’attenzione particolare sul primo matrimonio e sul primo nato in valle dopo il sisma.

La mostra rappresenta pertanto un’occasione da non perdere per ricordare un evento che ha cambiato l’assetto architettonico e sociale del territorio.

Resterà aperta ogni giorno da martedì 23 agosto a mercoledì 7 settembre con orario 9.00–13.00 e 14.00–17.00 dal lunedì al venerdì e 9.00-13.00 e 14.00-18.00 il sabato e la domenica.