Archivi categoria: Mostre

chiusura della mostra fotografica 1976: IL RICORDO

Chiusura della mostra fotografica 1976: IL RICORDO
chiusura mostra foto 1976 IL RICORDO

La mostra fotografica è stata ospitata presso il salone sottostante la Chiesa dei Santi Vito, Modesto e Crescienza di Oseacco di Resia (UD).
La mostra CHIUDERA’ giovedì 15 settembre 2016 alle ore 21.00.
Programma dell’evento di chiusura:
ore 18.00 benedizione e chiusura della mostra con i discorsi delle autorità;
ore 19.00 Santa Messa;
ore 20.00 fiaccolata per le vie del paese;
ore 20.30 rinfresco presso il villaggio Lario di Oseacco.

Il comitato Pro Oseacco, organizzatore della mostra ringrazia:

l’Associazione Pro Loco “Pro Val Resia”, l’A.N.A. Associazione Nazionale Alpini “Monte Canin”, la Riserva di Caccia di Diritto della Val Resia, la Parrocchia dei Santi Vito Modesto e Crescenza di Oseacco di Resia, il Comune di Resia, il Parco Naturale Prealpi Giulie, Promo Turismo FVG,  la Comunità Montana del Gemonese Canal del Ferro e Valcanale e la Provincia di Udine.

 

MOSTRA FOTOGRAFICA “TERREMOTO IN VAL RESIA”

MOSTRA FOTOGRAFICA “TERREMOTO IN VAL RESIA”

mostra terremoto in val resia - Parco

Martedì 23 agosto presso il Centro visite del Parco naturale delle Prealpi Giulie di Prato di Resia alle ore 17.00 sarà inaugurata la mostra fotografica “Terremoto in Val Resia”, realizzata dall’Ecomuseo Val Resia.

L’esposizione, promossa dal Comune di Resia e dall’Ecomuseo Val Resia e realizzata nell’ambito delle celebrazioni per il 40° anniversario dei sismi che hanno colpito il Friuli, riporta immagini fotografiche relative alle frazioni di Oseacco, Prato, Gniva e San Giorgio.

In particolare vengono proposte le immagini del dramma nella frazione di Oseacco, che è stata la più colpita, con solo 14 case rimaste sulle originarie 278.

Le immagini sono, in parte, quelle fornite dalla popolazione resiana che ha voluto condividere e testimoniare la propria esperienza personale e familiare attraverso le foto scattate immediatamente dopo il terremoto e, in parte, quelle realizzate dal personale della Regione Friuli Venezia Giulia e donate al Comune di Resia.

L’esposizione si compone di complessivi 66 scatti montati su 28 pannelli.

Sei di questi riportano i dati salienti di questa tragedia: riferimenti generali al terremoto (date, intensità, epicentro), vittime, danni sul territorio, con riferimento al patrimonio architettonico della Val Resia, primi interventi di ricostruzione provvisoria, dati riferiti agli sfollati ed, infine, un accenno di speranza con un’attenzione particolare sul primo matrimonio e sul primo nato in valle dopo il sisma.

La mostra rappresenta pertanto un’occasione da non perdere per ricordare un evento che ha cambiato l’assetto architettonico e sociale del territorio.

Resterà aperta ogni giorno da martedì 23 agosto a mercoledì 7 settembre con orario 9.00–13.00 e 14.00–17.00 dal lunedì al venerdì e 9.00-13.00 e 14.00-18.00 il sabato e la domenica.

 

Scopri Resia 2016 “Non solo Strok” 27-28 agosto 2016

ScopriResia 2016 “Non solo Strok”

Sabato 27 e domenica 28 agosto 2016

Scopri Resia 27.28.08.2016

 

 

Un week-end di profumi, saperi e sapori organizzato dalla Pro Loco Val Resia, dagli esercenti locali e dalle numerose realtà del posto che desiderano far conoscere ancora di più le peculiarità della bellissima Val Resia.

Per i palati più esigenti sono stati predisposti dei menù a tema che porteranno alla degustazione sia di piatti della tradizione locale, come la Uosoijaniza un mix di polenta, ricotta e burro o le Cjalcune, i famosi calzoni resiani, sia di piatti preparati a base di STROK ovvero l’Aglio di Resia presidio Slow Food dall’anno 2004.

Continua la lettura di Scopri Resia 2016 “Non solo Strok” 27-28 agosto 2016

VOLTI E VOCI DELLA SPERANZA

LA MOSTRA

VOLTI E VOCI DELLA SPERANZA

Il Gruppo Folkloristico Val Resia in occasione del 40° anniversario del terremoto in Friuli Venezia Giulia, presenta la mostra presso il Centro culturale a Prato di Resia (Ud)locandina terremoto Folk

Nei mesi di maggio e settembre 1976, il Friuli Venezia Giulia fu scenario di un disastroso terremoto che colpì il territorio e gli abitanti in modo permanente, cambiandone drasticamente i connotati.  Un cambiamento ancora più marcato si ebbe  tra la popolazione che mutò il suo modo di essere, di agire, di parlare e di vivere.

Molte sono le opere che hanno narrato il triste periodo del terremoto in Val Resia e il periodo della ricostruzione, dando risalto agli aspetti materiali ed architettonici ed alle scelte politiche e sociali della ricostruzione. Pochissime, invece, le opere che analizzano gli aspetti umani della vita dei terremotati, ma anche dei numerosi volontari che si sono profusi, in attività di recupero o sostegno alle popolazioni colpite.

Il gruppo Folkloristico “Val Resia”, che opera sul territorio dal 1838, è molto sensibile a questo argomento poiché lo ha vissuto in prima persona , sia attraverso i suoi componenti che come sodalizio. I primi in quanto si sono visti privare , all’improvviso e senza motivo, di tutto e purtroppo, a volte, anche degli affetti più cari. Il secondo in quanto come associazione si è trovato a far fronte ad un’impellente necessità di ripristinare, per quanto possibile, la normalità.

PROGRAMMA:

  • Sabato 13 agosto 2016 alle ore 20.30 INAUGURAZIONE
  • Martedì 16 agosto 2016 alle ore 20.30 INCONTRO CON GLI EX VOLONTARI

APERTURA: la mostra resterà aperta tutti i giorni dal 13 al 24 agosto dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00. Lunedì 15 agosto orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 20.00.

 

Si ringraziano i collezionisti privati ed i donatori per la cessione dei materiali e gli ex volontari per la gentile collaborazione e la disponibilità ancora una volta dimostrateci.

Info e contatti:

Gruppo Folkloristico “Val Resia”

Comitato per la conservazione del folklore resiano

Cell. 0039 3883842696

E-mail: gfvalresia@gmail.com